Norme generali per l'uso del timbro

1) Ogni elaborato tecnico, presentato da un Dott. Agronomo o da un Dott. Forestale a privati, enti, uffici, dovrÓ essere autenticato con l'apposizione del timbro fornito dall'Ordine, attestante che il firmatario dell'elaborato possiede il requisito, prescritto dalla legge, della iscrizione nell'Albo professionale.

2) Il timbro porterÓ in cerchio l'iscrizione "Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali Bologna"; al centro porterÓ il nome del Dott. Agronomo o Dott. Forestale ed il numero del timbro. Detto numero progressivo non potrÓ pi¨ essere attribuito ad altro iscritto anche in caso di cancellazione dall'Albo del primo attributario.

3) Il timbro sarÓ assegnato dal Presidente dell'Ordine ad ogni iscritto, all'atto della sua iscrizione nell'Albo. Il timbro sarÓ consegnato in dotazione soltanto ai Dottori Agronomi o Dottori Forestali che possono esercitare liberamente la professione. 

4) Il timbro sarÓ riprodotto nella tessera di riconoscimento che, a norma dell'art. 21 del Regolamento di esecuzione della Legge n. 3 del 7/1/1976, DL 30/4/1981 n. 350, il Presidente dell'Ordine rilascia ad ogni iscritto nell'Albo professionale. 

5) Qualora il Dottore Agronomo o Dottore Forestale, che sia in possesso di timbro professionale, cessi di essere iscritto nell'Albo per dimissioni, per trasferimento ad altro Albo, oppure in seguito a provvedimento di cancellazione, dovrÓ all'atto stesso della presentazione della domanda di dimissioni o di trasferimento, oppure della comunicazione del provvedimento di cancellazione adottato dal Consiglio, riconsegnare il timbro alla sede dell'Ordine. Nel caso di variazione dello stato giuridico-professionale dell'iscritto, comportante il divieto dell'esercizio della libera professione, il Dottore Agronomo o Dottore Forestale dovrÓ riconsegnare il timbro professionale al momento della prescritta comunicazione all'Ordine. Della avvenuta riconsegna sarÓ data ricevuta all'interessato. In caso di smarrimento del timbro il Professionista dovrÓ farne immediata denuncia al Presidente dell'Ordine che, a richiesta e dietro pagamento, potrÓ rilasciargli un duplicato. 

6) Il Professionista, cancellato dall'Albo, trasferito ad altro Albo, oppure passato nella categoria di coloro che non possono esercitare liberamente la professione, il quale non abbia riconsegnato il timbro nei termini indicati, sarÓ diffidato. Del provvedimento sarÓ data comunicazione all'AutoritÓ Giudiziaria ed agli Enti ed Uffici interessati. Il Professionista cancellato dall'Albo che continui l'esercizio della professione e faccia uso del timbro a tale effetto, sarÓ passibile di denuncia all'AutoritÓ Giudiziaria. 

7) E' fatto divieto di provvedersi direttamente del timbro, o di usare timbri che abbiano caratteristiche simili. L'uso dei timbri che non siano stati rilasciati dall'Ordine Ŕ considerato infrazione perseguibile con provvedimento disciplinare. 

8) L'AutoritÓ Giudiziaria, gli Enti, gli uffici Pubblici comunque preposti alla vidimazione o alla approvazione degli elaborati, saranno invitati ad accertare che gli elaborati stessi siano muniti di timbro attestante l'iscrizione nell'Albo, e a respingerli se non lo siano, o non sia in altro modo valido accertata l'iscrizione nell'Albo, alla data della presentazione dell'elaborato. Agli Enti stessi sarÓ comunicata copia delle presenti disposizioni.

 

 

torna su